Spedizione standard gratuita
per importi superiori a 95 CHF

Informazioni sul REACH

Title:

Le presenti informazioni hanno lo scopo di rispondere alle domande che i nostri consumatori possono porsi in merito al REACH e Swarovski. Il nostro Team REACH interno ha redatto la presente informativa in base a precedenti domande.

INFORMAZIONI GENERALI SUL REACH
Il Regolamento (CE) 1907/2006 concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH, Registration, Evaluation and Authorisation of Chemicals) è un regolamento dell’Unione europea entrato in vigore l’1 giugno 2007. Tale regolamento prescrive varie misure allo scopo di limitare l’utilizzo di determinate sostanze chimiche pericolose e disciplina l’esposizione del consumatore a tali sostanze. In base al REACH, le società che operano nell’Unione europea hanno diversi obblighi legali, tra cui l’onere di rispondere alle domande dei consumatori finali sull’eventuale presenza nei prodotti Swarovski di determinate sostanze elencate e, qualora queste siano presenti, di fornire sufficienti informazioni per consentirne un utilizzo sicuro.  Swarovski è ampiamente consapevole delle diverse misure che è necessario intraprendere per agire in conformità al REACH e procederà di conseguenza.

NOTIFICA RELATIVA ALLE SOSTANZE PRESENTI NEGLI ARTICOLI
Il REACH stabilisce che, qualora un articolo contenga delle cosiddette sostanze estremamente preoccupanti (SVHC, Substance of Very High Concern) in concentrazioni superiori allo 0,1% in peso/peso, il fornitore dell’articolo deve mettere a disposizione di un consumatore che ne fa richiesta informazioni sufficienti a consentire la sicurezza d’uso dell’articolo, il che include quanto meno il nome della specifica SVHC contenuta nell’articolo. Tali informazioni sono comunicate gratuitamente e devono essere fornite entro 45 giorni. L’elenco più recente delle sostanze SVHC secondo la legislazione dell’UE è pubblicato sulla pagina Web dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) e può essere consultato qui.

INFORMATIVA REACH PER GLI ARTICOLI SWAROVSKI
"SETTEMBRE 2021

AD OGGI, SWAROVSKI NON È STATA INFORMATA DA ALCUN NOSTRO FORNITORE DI EVENTUALI COMPONENTI DI ARTICOLI SWAROVSKI CONTENENTI SVHC IN CONCENTRAZIONI SUPERIORI ALLO 0,1% IN PESO/PESO. TUTTI I PRODOTTI SWAROVSKI SONO SOTTOPOSTI A UN RAGIONEVOLE PROGRAMMA DI TEST STATISTICI PER VERIFICARE CHE SIANO PRIVI DI SVHC IN CONCENTRAZIONI SUPERIORI ALLO 0,1% IN PESO/PESO."
Swarovski procede a rivalutare la presente informativa tempestivamente a fronte di ogni variazione dell’elenco SVHC ed eventuali nuove informazioni riguardanti le SVHC. 
Swarovski si impegna a limitare attivamente l’utilizzo di sostanze chimiche nocive in tutti i suoi prodotti. Swarovski intende mantenere uno stretto controllo sulle sostanze utilizzate e, pertanto, assume un ruolo guida nel suo settore con la definizione di standard globali interni più severi per la gestione delle sostanze chimiche. Il nostro programma CLEAR e i nostri standard sono obbligatori per tutti i nostri impianti di produzione globali e per tutti i nostri fornitori che fabbricano prodotti Swarovski in ogni parte del mondo. Il REACH è parte integrante di CLEAR ed è oggetto di tutta la nostra attenzione.
Se non abbiamo risposto ai tuoi dubbi in maniera esaustiva, non esitare a contattarci tramite l’indirizzo reach.info@swarovski.com.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE E DOMANDE FREQUENTI
QUALI AZIONI INTRAPRENDE SWAROVSKI PER ESSERE PRONTAAL REACH?

Il lavoro di implementazione per assicurare che Swarovski fosse completamente pronta al REACH è cominciato all’inizio del 2006. Il nostro team di esperti monitora attentamente il REACH e mette in atto tutte le misure necessarie per garantire una transizione senza problemi all’era REACH, evitando in tal modo perturbazioni non necessarie nelle attività di commercializzazione e fornitura di articoli Swarovski.

COSA SONO LE SVHC?
Una sostanza estremamente preoccupante (SVHC) è una sostanza chimica (o parte di un gruppo di sostanze chimiche) per cui è stato proposto che il suo utilizzo all’interno dell’Unione europea sia soggetto ad autorizzazione ai sensi del regolamento REACH. Infatti, l’inserimento di una sostanza nell’elenco SVHC da parte dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) costituisce il primo passo nella procedura relativa alla restrizione del suo utilizzo. L’elenco delle SVHC viene aggiornato periodicamente.

REACH E SWAROVSKI
Le presenti informazioni hanno lo scopo di rispondere alle domande che i nostri acquirenti B2B (utilizzatori a valle) possono porsi in merito al REACH e Swarovski. Il nostro Team REACH interno ha redatto la presente informativa in base a precedenti domande.

INFORMAZIONI GENERALI SUL REACH
Il Regolamento (CE) 1907/2006 concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH, Registration, Evaluation and Authorisation of Chemicals) è entrato in vigore l’1 giugno 2007. In base al REACH, le società che operano nell’Unione europea hanno diversi obblighi legali, tra cui l’onere di comunicare sufficienti informazioni su determinate sostanze chimiche pericolose contenute nei prodotti che forniscono. Swarovski è ampiamente consapevole delle diverse misure che è necessario intraprendere per agire in conformità al REACH e procederà di conseguenza.

NOTIFICA RELATIVA ALLE SOSTANZE PRESENTI NEGLI ARTICOLI
Il REACH stabilisce che, qualora un articolo contenga delle cosiddette sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) in concentrazioni superiori allo 0,1% in peso/peso, il fornitore dell’articolo in questione deve mettere a disposizione del destinatario informazioni sufficienti a consentirne la sicurezza d’uso, il che include quanto meno il nome della SVHC contenuta nell’articolo. Tali informazioni sono comunicate gratuitamente. L’elenco più recente delle sostanze SVHC secondo la legislazione dell’UE è pubblicato sulla pagina Web dell’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA), reperibile qui.

INFORMATIVA REACH PER GLI ARTICOLI SWAROVSKI
"SETTEMBRE 2021

AD OGGI, SWAROVSKI NON È STATA INFORMATA DA ALCUN NOSTRO FORNITORE DI EVENTUALI COMPONENTI DI ARTICOLI SWAROVSKI CONTENENTI SVHC IN CONCENTRAZIONI SUPERIORI ALLO 0,1% IN PESO/PESO. TUTTI I PRODOTTI SWAROVSKI SONO SOTTOPOSTI A UN RAGIONEVOLE PROGRAMMA DI TEST STATISTICI PER VERIFICARE CHE SIANO PRIVI DI SVHC IN CONCENTRAZIONI SUPERIORI ALLO 0,1% IN PESO/PESO."
Swarovski procede a rivalutare la presente informativa tempestivamente a fronte di ogni variazione dell’elenco SVHC ed eventuali nuove informazioni che possano incidere sulla gestione del rischio riguardante le SVHC.  Se una sostanza contenuta in articoli Swarovski dovesse essere inserita nell’elenco SVHC, Swarovski invierà di sua iniziativa e in forma gratuita le notifiche a tutti i destinatari diretti noti degli articoli interessati.
Swarovski si impegna a limitare attivamente l’uso di sostanze chimiche nocive in tutti i nostri prodotti. A fronte della complessità delle catene logistiche odierne e dell’impegno a mantenere uno stretto controllo sulle sostanze impiegate, Swarovski assume un ruolo guida nel suo settore con la definizione di standard globali interni per la gestione delle sostanze chimiche: Il nostro programma globale CLEAR e i nostri standard sono obbligatori per tutti i nostri impianti di produzione globali e per tutti i nostri fornitori che fabbricano prodotti Swarovski in ogni parte del mondo.  Il REACH è parte integrante del nostro programma CLEAR ed è oggetto di tutta la nostra attenzione.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE E DOMANDE FREQUENTI
QUALI AZIONI HA INTRAPRESO SWAROVSKI PER L’IMPLEMENTAZIONE DEL REACH?
Il lavoro di implementazione per assicurare che Swarovski fosse completamente pronta al REACH è cominciato all’inizio del 2006. Il nostro team di esperti monitora attentamente il REACH e mette in atto tutte le misure necessarie per garantire una transizione senza problemi all’era REACH, evitando in tal modo perturbazioni non necessarie nelle attività di commercializzazione e fornitura di articoli Swarovski.

SWAROVSKI HA REGISTRATO LE SOSTANZE PRESENTI NEL MIO PRODOTTO?
Ove necessario, Swarovski ha registrato tutte le sostanze fabbricate o importate nell’Unione europea. Per le sostanze chimiche e gli articoli provenienti dall’interno dell’UE, Swarovski è un utilizzatore a valle. Pertanto abbiamo contattato i nostri fornitori per accertare che le loro materie prime fondamentali siano compatibili e che non vi siano ricadute sui nostri processi di produzione. Non possiamo comunque garantire che i nostri fornitori registrino tutti i loro prodotti e tengano conto dell’utilizzo da parte nostra. Se dovessero insorgere problemi nella nostra catena logistica, Swarovski si impegnerà al massimo con i suoi fornitori per giungere a una soluzione, trattandosi in questo caso del reciproco interesse di tutte le parti coinvolte. 

COS’È UN UTILIZZATORE A VALLE?
Con l’espressione ʻutilizzatore a valle’ si indica ogni persona fisica o giuridica con sede nella Comunità che non sia il produttore o l’importatore e che utilizzi una sostanza (sia da sola che all’interno di una preparazione) nel corso delle sue attività industriali o professionali. Non sono utilizzatori a valle i distributori o i consumatori.

COSA DEVO FARE IN QUALITÀ DI UTILIZZATORE A VALLE DI ARTICOLI SWAROVSKI?
La valutazione del rischio sull’utilizzo di una sostanza chimica in questione svolge un ruolo centrale nel concetto del REACH e richiederà uno scambio di informazioni tra fornitore e utilizzatore a valle. Generalmente, se gli articoli sono utilizzati secondo l’applicazione prevista, Swarovski ha  una conoscenza molto precisa di come gli utilizzatori a valle si servono dei suoi prodotti. Su richiesta e ove occorra, Swarovski si rivolgerà tempestivamente ai suoi utilizzatori a valle per procurarsi tutte le informazioni necessarie. In generale e per il momento non è necessaria alcuna azione immediata da parte vostra.
Nel caso utilizziate i nostri articoli in modo diverso da quello per cui sono stati concepiti o in forme di cui, a vostra conoscenza, forse non siamo informati, potrete riferircelo tramite la comunicazione a monte della catena di approvvigionamento.

COSA SONO LE SVHC?
"Desideriamo precisare che l’identificazione delle sostanze definite estremamente preoccupanti (SVHC) è un processo in più fasi, descritte di seguito:
•    Uno Stato membro dell’UE prepara un documento in cui si descrivono dettagliatamente le motivazioni per cui ritiene che una sostanza pericolosa sia “estremamente preoccupante”. Generalmente, l’operazione non si svolge in modo pubblico, ma solo su iniziativa dell’autorità competente di uno Stato membro.
•    L’ECHA rileva in seguito tali documenti e li pubblica sul suo sito Web in forma di “consultazione” (consultare qui). Tale processo si verifica più volte all’anno. Al termine della consultazione, si raggiunge un accordo, secondo cui si includerà o meno una particolare sostanza nell’elenco SVHC."
 

DOVE POSSO TROVARE L’ELENCO DI SVHC PIÙ RECENTE?
L’ECHA pubblica l’elenco di SVHC in vigore sulla sua pagina Web. Il numero di sostanze su tale cosiddetto aumenta costantemente e la versione più recente è pubblicata qui